logoblink

Blink, un collegamento diretto al mondo del progetto by BTicino

Durante il recente Salone del Mobile, BTicino, azienda leader nel settore della domotica, ha presentato il progetto Blink, il nuovo corporate blog dedicato interamente al tema del progetto contemporaneo.

Blink è stato proposto da BTicino come un nuovo strumento digitale, rivolto ad architetti e designer:

“Con Blink BTicino continua la sua vision e la sua storia editoriale, scegliendo un approccio evoluto e coerente con i nuovi modelli d’informazione e comunicazione”

“Blink è un hub di connessioni, un osservatorio sulle molteplici direzioni del progettare con una particolare attenzione all’architettura e al design, ma con uno sguardo interessato a tutti i territori limitrofi della cultura del progetto

Due le aree di contenuti: MoodBoard, istantanee sul progetto (dal design all’architettura, dalla tecnologia, agli scenari progettuali), all’interno della quale vengono presentati i contenuti in ordine di pubblicazione. Directions è l’area dove verranno selezionati e raccolti in boards i contenuti del blog. E’ quindi uno strumento di catalogazione dei singoli post per grandi temi, con l’obiettivo di individuare più chiaramente i segnali e le direzioni del progetto contemporaneo.

La presentazione, avvenuta sabato 21 aprile presso il Cocept Store di via Messina a Milano, è stata un’occasione di confronto con gli ospiti sulle direzioni del progetto emerse durante l’ultima edizione del Salone 2012:

Pasquale Formisano ha messo al centro del dibattito l’esigenza del progetto di rispondere ai temi della contemporaneità. In questo momento storico, secondo il fotografo, un tema imprescindibile è la tecnologia. Lorenzo Palmeri invece supera il tema del progetto per metterne in luce la necessità, la verità: un progetto diventa rilevante se mette al centro della sua attenzione la persona. Yuri Ancarani, occupandosi nella vita di immagine in movimento, trova una prossima direzione nello spessore, solido  e concreto della materia. Infine Fabio Novembre, punta il dito dritto all’essere umano che ambisce a raggiungere la felicità.

Le riflessioni emerse trasmettono l’imprescindibilità della tecnologia alla necessità di concretezza e realtà, concetto sintetizzato da  Marco Rainò con l’espressione “umanesimo 2.0” che riporta l’essere umano al centro del progetto ma con coordinate contemporanee.

Blink sottolinea quindi la centralità del soggetto rispetto alla tecnologia con l’intento di segnalare una nuova modalità del consumatore di interfacciarsi con l’esperienza fisica dei luoghi attraverso la tecnologia.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *