5767353286_771f285ffa_b_detail_em

L’arte di levitare

Per prima cosa sfatiamo ogni dubbio, non avete letto male, per levitare non ci stiamo riferendo al fatto che ognuno di noi, prima dell’estate è lievitato (c’è una bella ‘i’ di differenza tra l’uno e l’altro termine) e ora sta correndo ai ripari per rientrare nella propria taglia ideale. Il levitare a cui ci vogliamo riferire noi è infatti un qualcosa di magico che tutti noi abbiamo potuto ammirare almeno una volta assistendo ad uno spettacolo di magia. Appunto, magia ma perché non provare a mostrarla nella vita reale? In fondo basta nulla più che un bravo fotografo, photoshop e lavoro. Vi mostriamo quindi una carrellata di 6 fotografi che si sono divertiti, almeno una volta, a volare.

Hayashi Natsumi

Nei suoi scatti dedicati alla levitazione, Hayashi sembra saltare come un folletto magico dell’aria ora da una parte, ora da un’altra, a volte sorvolando sulle attività quotidiane, come passare l’ aspirapolvere o prendere una Coca-Cola dal distributore. Il tutto realizzato con un semplice treppiede e 10 secondi di autoscatto.

Li Wei

Li Wei ama realizzare degli scatti di levitazione che vadano oltre allo sfoggio dell’abilità di un bravo fotografo, vuole che le sue foto raccontino una storia. Per le sue illusioni utilizza ogni sorta di trucco: dallo specchio, ai fili metallici, da vere e proprie impalcature alle acrobazie di bravi atleti, il tutto insieme ad un gran lavoro di post-produzione.

Franck Bohbot

Il fotografo francese Franck Bohbot ha un modo molto particolare di rappresentare soggetti “levitanti”. Le sue foto in bianco e nero risultano essere infatti molto casual-street grazie agli scenari cittadini e la mancanza di colore, a tratti possono sembrare anche ritratti macabri come il primo che mostra un ragazzo impiccato levitante.

Somewhere Lovely

Se già le foto di prima potevano avere qualcosa di drammatico o inquietante, quelle della serie dedicata da Somewhere Lovely riescono ad esserlo ancora di più, scatti uniti da una sorta di favola oscura in cui il soggetto o ha il volto coperto dai capelli o è accolto in un abbraccio strano con un non-levitante persona. Fotografie per chi non soffre di incubi in pratica.

Erich Leeth

Da qualche levitazione casuale sulla tavola con la famiglia mentre si sta giocando a carte, ad una sfida in stile matrix all’interno di una cucina professionale, le foto di Erich Leeth sono senza dubbio le più ironiche tra quelle presentate, un alleggerimento dovuto dopo gli scatti inquietanti presentati prima.

David Nemcsik

Torniamo ad inquietarvi visto che la levitazione, così come la magia, il mistero (non quello televisivo per carità) hanno sempre qualche cosa di inquietante dietro, e lo facciamo con l’artista David Nemcsik, in grado di catturare nelle sue immagini qualcosa di onirico, dovuto, probabilmente, alla posizione in orizzontale di tutti i soggetti la stessa che abbiamo quando ci lasciamo cullare beatamente nel sonno. A questo si aggiunge poi un senso di mistero, sembra infatti che queste persone vengano sollevate da una qualche misteriosa forza aliena che li attrae in cielo. Insomma, a metà tra Donnie Darko e l’ultimo, ma indimenticabile, Raz Degan.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *