tristemietitore

Il triste mietitore!

Le nostre interviste surreali continuano, dopo Dio e il Diavolo (di cui vi consigliamo di comprare il libro scritto insieme per beneficienza) per mantenere una certa levatura di personaggi a chi potevamo rivolgerci se non alla morte stessa, impersonata dal Triste Mietitore? Se ci deve traghettare lui nell’aldilà almeno ci faremo quattro risate.

Attenzione! avvisiamo tutti i nostri lettori di NON arrivare alla fine di questo post per il proprio bene.


1. Come ti è venuto in mente di iscriverti a Twitter?

È dall’alba dei tempi che non faccio che seguire la gente: era ora che vi mettessi nella condizione di ricambiare! All’inizio avevo optato per Google +, ma mi sono reso conto che era un mortorio anche per me.

2. Perchè la scelta del Tristemietitore (ovvero della morte) tra tutti i personaggi possibili?

Perché sono la Morte, il Triste Mietitore, che domande! Voi mortali avete una paura immotivata del momento del nostro incontro, manco fosse una interrogazione di fisica analitica. Il timore della morte vi fa fare cose irrazionali: diffidare del diverso, accumulare beni senza goderveli, iscrivervi al PdL. Presentandomi, in una inusuale veste spiritosa, voglio farvi riflettere su quanto siano infondate le vostre paure. Ed appena abbassate la guardia…. zack!

E guardandoci alle spalle guardinghi, continuiamo l’intervista chiedendo: cosa ti scrive abitualmente la gente?

La maggior parte mi domanda di prendermi qualcuno: si va dal grassone con l’avversione per il sapone sull’autobus, vicini di casa fracassoni e personaggi politici molto longevi contraddistinti dalla gobba.
Nessun tentativo di corruzione per rimandare la propria dipartita. Sono profondamente deluso.

4. Qualche aneddoto curioso che hai vissuto in prima persona grazie al profilo?

Non direttamente legato a Twitter, ma decisamente in prima persona: stavo provando a girare una scena all’aperto per un corto (piccolo spoiler di un mio progetto segreto) quando mi hanno avvisato che stava scendendo lungo la strada un funerale. Sono dovuto rincasare in tutta fretta!

5. In che rapporti sei con Dio e il Diavolo?

Sono in ottimi rapporti commerciali con entrambi, visto che li rifornisco quotidianamente di ospiti per i loro villaggi vacanze. Nessuno di loro ha un rapporto di esclusiva con me, d’altra parte lavoro per tutte le principali religioni. Devo ammettere però che lavorare per il Diavolo è più soddisfacente: paga a 30 giorni e non una volta ogni morte di Papa come Dio!

6. Il tuo tweet preferito?

“Siediti lungo la riva del fiume ed aspetta. Se dopo un po’ non vedi passare il cadavere del tuo nemico, alza il culo e vallo a prendere.”

7. Quello che vorresti non aver mai twittato?

Ci sono stati dei tweet che sono stati interpretati male ed hanno generato un po’ di discussioni, ma non mi pento di nessuno. Ad esempio un hashtag che ho lanciato, #NonSeiGrassa: i più – specialmente le stesse ragazze – lo hanno trovato divertente, cogliendone la vena ironica e non offensiva e partecipando fino a mandarlo in cima alla classifica dei Trend Topic. Non sono tuttavia mancati dei moralisti dell’ultima ora che si sono scagliati contro le mie battute, in un mal celato tentativo di captatio benevolentiae del pubblico femminile. Non me la sono presa e li invito ancora adesso a contare le falangi scheletriche del mio dito medio.

8. Un #FF a…scegli tu a chi rivolgerlo

Un #FF ai volontari del 118 ed al personale medico in prima linea: sono fiero di averli come “acerrimi nemici”.

9. Se il Diavolo veste Prada, Dio veste DIOr, lei cosa fa, resta nudo?

Io sono per il classico: sudario nero fino alle caviglie con ampie maniche e cappuccio. Snellisce che è una favola!

10. Chi si porterebbe via in questi giorni?

Mi porterei via quelli che, seguendo il vip di turno, hanno invocato la liberazione di Rossella Urru e, quando finalmente è stata rilasciata ma il vip da cui era partita l’iniziativa era nel frattempo sparito da Twitter, non hanno speso neppure una parola di gioia. L’iniziativa era una nata come una cosa seria: è disdicevole parteciparvi solo per assecondare – e farsi notare – da un personaggio famoso!

[Aggiungo a titolo personale] Se non avete capito chi è il personaggio famoso avete un problema, se siete tra quelli che cercano di farsi notare in qualsiasi modo da un personaggio famoso lasciate pure un commento, forniremo la lista a chi di dovere, magari con un DM su Twitter.

11. Dai ce lo confessi, chi sta dietro la falce? (e non vale rispondere il martello)

Dopo dovrei ucciderti, lo sai? Ok, ecco una mia foto:

Ok se siete arrivati fino a qui e non ci avete voluto ascoltare non ci prendiamo responsabilità: se ora vi squilla il telefono o bussa la porta dietro di voi accettate un consiglio, non rispondete.

Commenti

commenti

Un pensiero su “Il triste mietitore!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *