tumblr_m57fcpgN0n1r69elqo5_r5_1280

Valerio Loi

Abbiamo scoperto per caso un ragazzo sardo di 25 anni. Si chiama Valerio Loi e di lavoro fa il fotografo. Fa e studia visto che è andato a Londra a perfezionare gli studi di fotografia alla University of West London. Nei suoi lavori ha realizzato qualcosa che ci ha colpito da subito, una collezione di stampe dedicate ai sentimenti intitolata Human Feelings as Drugs.

“Le immagini che presento sono frutto di un progetto di design/fotografia che ha preso piede in me in modo del tutto naturale. Ho notato gli elevati livelli di stress delle persone, la loro agitazione e la velocità con la quale svolgono le loro attività, relegando un tempo sempre più ridotto alla loro parte emozionale e spirituale.” e come dargli torto? Nell’intervista che abbiamo letto (e che ci ha permesso di trovarlo) sul blog di Lovli, racconta bene qual è il senso di queste opere.

Ho pensato che sarebbe bellissimo se esistessero delle “medicine”, da assumere oralmente, o ancora meglio iniettabili, in modo da permettere al paziente un istantaneo risveglio della percezione e un reintegro all’interno del flusso vitale delle emozioni. Così tutto il resto è venuto da se, con la creazione delle fialette, la loro etichetta e descrizione.” Fialette che dovrebbero esistere davvero, a Milano, per sopravvivere.

Non cercatele in fiale, sono tutte in stampa, ma anche guardarle aiuta, magari è solo effetto placebo ma l’importante è il risultato…

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *