Graphic Designer crescono!

Parliamo spesso di artisti famosi e internazionali, fotografi eccellenti, grafici poderosi. Abbiamo deciso però di parlare anche di “giovani promesse” per mostrarvi qualcosa di diverso e che, credeteci, vi lascerà comunque molto soddisfatti. La prima persona di cui vi parliamo è  Chiara Lanzieri, giovane graphic designer romana che abbiamo intervistato per voi!

Che percorso hai fatto per diventare un graphic designer? (di studi e di esperienze)

Sono cresciuta con arte e musica, all’età di 12 anni folgorata da una mostra di Kandinsky, scelgo di seguire una sola via, quella composta da colori, disegno e tele. Dopo aver finito gli studi artistici, decido di unire diverse discipline creative, arrivando al mondo della comunicazione. Qui nasce l’amore per la grafica, conseguendo il diploma in graphic design presso lo IED.

5797faaf77bda9fc41d81d2c0628551e

Al momento di cosa ti occupi?

Al momento di giorno lavoro in un’agenzia di marketing e pubblicità, un mondo un po’ diverso da quello che mi immaginavo ma comunque interessante, e di notte come illustratrice freelance.

dd4725100f9d04bdc3a0253a9db3745f

Quale pensi sia il tuo lavoro meglio riuscito e perché?

Dunque il miglior lavoro riuscito, sicuramente la tesi fatta allo IED, “ADAM’’ un art magazine per i pad scaricabile dall’ apple store credo da ottobre, a breve forse pubblicherò quacosina… per ora è tutto top secret ;)

fac9abea427d45ab40573cc3bc880d18

15a2b12f531bd9b2131c520aa58b0092

d873c72901aafa93edeec8971a54b048

52197b8a3d2160aa3cfeb17289e48b9b

564c5c42da69e2de38c4b62fa19adf60

A noi ci è piaciuto molto il tuo autoritratto “collage” (ndr. prima immagine del post), da cosa è nato?

Collage è un lavoro che in qualche modo rappresenta Clanz ovvero me stessa. All’interno della composizione ci sono tutti elementi che mi raccompagnano da quando ero piccolina come la musica, la calligrafia e il numero tre, una cifra ricorrente negli eventi più importanti che mi sono capitati.

Anche la fotografia è nelle tue corde e con “Ritratti” e “paesaggi” si vede: se dovessi scegliere tra le tue due passioni cosa sceglieresti e in cosa ti senti più brava?

Ma sicuramente la fotografia è molto importante ma nasce prevalentemente come hobby e principalmente come ‘’ memory’’ dei mie viaggi ( altra grandissima passione). Sicuramente nel settore della grafica mi sento più sciolta tanto da farne una professione.

E cosa ci dici invece riguardo a “Heart of gold”?

Heart of gold è una serie che fa parte della serie di illustrazioni ‘’feel the music’’, un percorso visivo dove diversi pezzi musicali sia vintage, sia attuali, prendono vita. Heart of gold si individua per delle forme geometriche dolci e delicate, per uno stile minimal dove grazie alla vasta gamma di colori, i brani prendono forma.

Guardateli:

c3f481b97278a4f526260d56f12644eb

15150820db77cde0d89e6eadad2b1a20

eart of gold

84a435a34b8ec0f645fb38af980c22bc

872eabe34920de55dfb312289fb02e69

Volete vedere altri suoi lavori? Li trovate come ogni buon designer sul suo profilo Behance.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *