MotoMaker: ovvero come creare il proprio Motorola Moto X

Siamo nell’era della personalizzazione totale. Tutti i brand cercano ogni giorno di darci prodotti che siano al 100% personalizzabili, nostri. Stiamo tornando all’artigianato in un certo senso, a quella voglia di avere tra le mani[quote_right]”il primo gioiello di Google e Motorola: lo smartphone customizzabile al 100%”[/quote_right] qualcosa che sia davvero unico. Non ci basta più l’esclusività dell’oggetto, inaccessibile ai molti (o quasi) per via del prezzo, vogliamo che sia unico e nostro. Al via quindi la lunga trafila di automobili che offrono più di 30 personalizzazioni, l’utilizzo di cover per smartphone e tablet che ognuno ricerca per trovare quella davvero “originale”. Ed è proprio la possibilità di personalizzare uno smartphone che vi vogliamo raccontare oggi. Come saprete Motorola, dopo l’acquisizione di Google, è stata oggetto di una rivoluzione interna che ha portato finalmente alla nascita del primo gioiello: Moto X.

moto x 4

Questo smartphone, al di là delle caratteristiche tecniche che lo rendono un grandioso Android (ovviamente), resterà nella storia come il primo cellulare realmente personalizzabile al 100%. Se scrivere una frase dietro al vostro iPhone vi sembrava qualcosa di unico, preparatevi a stupirvi. Moto X vi permette di scegliere i colori di ogni parte del vostro cellulare, la scritta che volete inserire sulla scocca posteriore (ATTENZIONE per gli spiritosi che vorrebbero scrivere Samsung, Apple, e altri brand concorrenti, Motorola ha pensato bene di non dare la possibilità agli utenti di utilizzare queste parole), e non solo.

moto x 3

Potete già scegliere la frase iniziale che vi accompagnerà ad ogni accensione, e l’immagine di sfondo. Si tratta del primo smartphone su misura, e riuscire ad ordinarne uno sarà semplice come mostrato in esclusiva da The Verge nel video che potete trovare in fondo al post.

moto x 2

moto x

Unica pecca? Gli auricolari si possono acquistare solo a parte, non sono compresi nel prezzo. Seconda pecca: in Italia non arriverà mai questo modello…Purtroppo.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *