L’Italia vista dagli spot

La pubblicità è spesso lo specchio della società. Assurde, irriverenti, spesso le pubblicità riescono a dire ciò che in altre situazioni nessun altro riesce a dire. Pensiamo allora a come il mondo ci guarda e considera noi Italiani. Facciamo quindi una carrellata fin dal passato di quelle che sono le considerazioni che all’estero hanno di noi Italiani:

Mammoni

In Norvegia avevano fatto “scalpore” una serie di spot di una società immobiliare che dipingeva gli Italiani come eterni bamboccioni, incapaci di abbandonare la casa di mamma che li deve imboccare, cucinare e lavare anche a 40 anni. La morale dello spot è spiegare ai giovani norvegesi come evitare di diventare come noi.

Immagine anteprima YouTube

Pettegoli

Dall’Olanda invece veniamo dipinti come una popolazione che parla alle spalle, pettegola, perfino con i clienti. Sfruttando infatti la diversità della lingua, ce ne approfitteremmo per dire “peste e corna” degli altri come se nulla fosse, salvo poi essere smascherati nel caso in cui il commensale capisce fin troppo bene l’italiano…

Immagine anteprima YouTube

Maschilisti

Come possiamo non passare noi, popolo di “sciupafemmine” anche come maschilisti? I cartelloni realizzati da JWT India per la promozione della Ford Figo, ritraevano infatti l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi, alle prese con un bagagliaio ricolmo di donne legate ed imbavagliate. Donne non scelte a caso visto che, dalle fattezze, rappresentavano alla perfezione alcune delle protagoniste dei “bunga bunga”: Ruby, Nicole Minetti e una studentessa.

Ford-Figo-Sexist-Print-Ad-starring-Silvio-Berlusconi

Incubo per bambini

Forse il titolo non è il più adatto ma, in Svezia, siamo stati dipinti quasi come un incubo per i bambini. Non esattamente noi ma le nostre spiagge italiane che, sarebbero così spaventose, da portare un bimbo alle lacrime. La campagna pubblicitaria di Liseberg, grande parco di divertimenti per famiglie di Göteborg, promuove così la stagione estiva: dipingendo il resto dell’europa come un incubo per i bambini. Nel loro mirino non c’è quindi solo l’Italia (una volta tanto) ma anche Maiorca e Creta, accostate sempre a bimbi disperati in lacrime…

pubblicità-svedese-anti-italia-6

Mafiosi

Come poteva mancare questa caratteristica di noi Italiani nel lungo elenco di difetti che ci vedono protagonisti? Purtroppo non è solo una questione del passato ma è ancora il modo in cui spesso il mondo ci guarda. Ricordate lo spot della Pepsi dove una dolce bimba italo americana si trasformava in un spaventoso mafioso quando, al posto della Pepsi richiesta, le veniva servita una normale “Coca”? Forse è bene rivederlo per non dimenticarselo:

Immagine anteprima YouTube

Purtroppo non è però solo questione del passato. Di ritorno da un viaggio in India, sono rimasto davvero deluso nel vedere come questo stereotipo sia ancora ben presente nella mente di tutti, ecco quindi la pubblicità realizzata da Book Your Table, un servizio di prenotazione di tavoli, che per rappresentare “la voglia di cibo italiano” rappresenta una serie di mafiosi in stile “Il Padrino” attorno ad un tavolo che…

Immagine anteprima YouTube

Lo spot potrà anche far sorridere, come in effetti anche gli altri mostrati, ma la domanda vera è: siamo davvero un popolo fatto così per il resto del mondo? Pizza, spaghetti, mandolino e mafia spero non siano la risposta alla domanda.

Commenti

commenti

3 pensieri su “L’Italia vista dagli spot

  1. Secondo me ti sei dimenticato anche l’ultimo spot di FIAT http://youtu.be/1fBFm4OD2W0 con la famiglia italiana in corredato d’uso!!
    Definita da molti ‘GENIALE’ perchè fiat…secondo me il succo è lo stesso delle precedenti elencate qui sopra.
    Autoironia sugli stereotipi?! Allora siamo due volte stupidi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *