Ti sei mai chiesto che suono produce un’arma?

Si sa, l’arte è una grande e forte forma di ribellione soprattutto quando ci si vuole opporre a importanti tematiche sociali e politiche come le guerre (pensiamo alla Guernica di Picasso) oppure l’utilizzo e il possesso delle armi, un argomento sempre molto scottante che divide e fa discutere.
Ma per fortuna c’è Pedro Reyes, un visual artist messicano, che fa un utilizzo davvero insolito e soprattutto pacifista delle armi.

disarm-5

L’artista, infatti, ha recuperato numerosi fucili e pistole, appartenenti originariamente ad organizzazioni criminali messicane, e li ha usati per costruire degli strumenti musicali che vengono suonati e controllati da computer creando così una vera e propria orchestra meccanica. Da queste creazioni prende vita la sua mostra Disarm, una collezione di otto strumenti costruiti con la collaborazioni di diversi musicisti.

disarm-1

L’idea di questo progetto nasce dalla convinzione di Reyes secondo cui lo scopo dell’arte sia di trasformare impulsi negativi in impulsi creativi. Ed è proprio per questo motivo che l’artista ha scelto di prendere un fucile, ovvero un oggetto creato per uccidere, e dargli un nuovo utilizzo, ovvero un oggetto che è parte integrante di un’orchestra meccanica e che non toglie una vita, ma dà energia e crea armonia.

disarm-7

L’installazione ha debuttato qualche mese fa alla Lisson Gallery di Londra e tra qualche giorno alcuni strumenti verranno esposti al Carnegie Museum of Art di Pittsburgh.

A questo punto non ci resta che disarmarci a suon di musica. Ascoltate qui che suoni può produrre un’arma!

Immagine anteprima YouTube

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *