Il piccolo grande mondo degli sviluppatori di app

Il mondo degli sviluppatori di app è poco conosciuto: al di là dei grandi nomi esistono centinaia di migliaia di persone che creano quei piccoli contenuti che istalliamo e disistalliamo ogni giorno dai nostri smartphone. Ne abbiamo intervistato uno per capire qualche cosa di più su questo lavoro e su cosa c’è dietro alle vostre App:

Vuoi raccontarci un po’ chi sei?

Ciao, sono Francesco, ho 33 anni sono sposato con Roberta. Non c’è molto da raccontare… Sono diplomato, ho gusti musicali pessimi e mi piace cucinare, mangiare e giocare ai videogames.
Sono un Mac user da svariati anni ormai. Di lavoro faccio il programmatore, di sera, per passione, faccio il programmatore :-)

In rete in tanti ti conoscono o meglio, ti conoscevano per la tua vita da “blogger”, ma di lavoro fai altro: di cosa ti occupi?

Sono software engineer per una multinazionale americana che si occupa di aste online (ma non solo). Lascio al lettore indovinare come si chiama. :-)

app_store

Vuoi raccontarci come nasce l’idea di realizzare delle applicazioni per smartphone?

Penso di parlare a nome di molti miei colleghi… Le idee nascono dovunque: al bagno, sul tram, a letto prima di addormentarsi. Le annoto tutte in un google doc, poi le lascio decantare per qualche giorno. Passato un po’ di tempo le riprendo in mano e se ancora mi piacciono le realizzo. A volte vanno bene, altre volte no. L’importante è la soddisfazione di vederle realizzate.

E invece come sono nate le tue applicazioni?

Per quel che mi riguarda tutto è partito dalla voglia di imparare qualcosa di nuovo. Uno sviluppatore che non si aggiorna è uno sviluppatore morto. Molti di noi cominciano questo lavoro partendo da una passione, dallo studio “matto e disperatissimo” della programmazione e da infinite ore davanti ad un computer. Durante le mie classiche “ore al computer”, più o meno l’anno scorso, ho deciso che dovevo fare “qualcosa” nel settore delle app.

Avendo un iPhone la scelta è caduta su iOS e Objective-C, perciò eccoci qua.

Quanto tempo occorre per realizzarne una e avere tutte le approvazioni del caso?

Realizzare un’applicazione semplice come HashTag!  (gratuita) richiede qualche ora di lavoro per uno sviluppatore già “formato”. Non voglio assolutamente dire che sia semplice: ci sono app che al contrario richiedono molti mesi di lavoro tra grafica, sonoro e design (senza dimenticare la parte di programmazione vera e propria)

itunes_app_store_icon_field_640_large-570x380

Dopo l’upload sull’App Store parte il processo di approvazione e messa in vendita. Il tempo di messa online è variabile, al momento è di circa 6/7 giorni.

In quanti ti scrivono di solito per offrirti di collaborare a gratis con loro, e quanto tempo impieghi per rimandare al mittente la richiesta?

Mi hanno scritto in molti, proponendo idee strampalate e altre idee più concrete. Ultimamente non si fanno vivi, comincio a pensare che forse abbiano capito che il lavoro (e il tempo) va pagato in soldi veri e non in gratitudine e futuri guadagni.

Vuoi dirci qualcosa che pochi sanno sulle app che ogni giorno installano sui propri cellulari?

Ve ne dico 2:

La prima: ogni vostro click, azione o impostazione viene tracciato, aggregato e studiato, come e peggio che su un sito web. La privacy non esiste più (forse non è mai esistita) nemmeno sul vostro smartphone.
La seconda: molte delle app che installate valgono ben più degli 89 centesimi del prezzo pagato.
Non vi lamentate quindi del fatto che un’app sia a pagamento: ripagate il lavoro degli sviluppatori… Vi costa meno del caffè che avete preso questa mattina al bar.

Buon download.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *