Archibet, l’alfabeto dell’architettura by Federico Babina

Se siete un po’ a digiuno di architettura, oggi facciamo una bella lezione, un po’ come si fa a scuola per imparare l’alfabeto quando si usa l’abecedario.

CITY

Archibet del designer Federico Babina è infatti un vero e proprio alfabeto per spiegare a tutti il linguaggio dell’architettura; ogni lettera rappresenta un nome chiave di questa disciplina associato a una delle più celebri realizzazioni.

archdaily2

Si parte ovviamente con la A per cui è stato selezionato il finlandese Alvar Aalto, maestro del Movimento Moderno. Anche per le successive 25 lettere troviamo grandi di nomi dell’architettura, tutti rappresentati tramite la lettera corrispondente e un progetto significativo, ricreando una vera e propria città, l’Archibet City.

E

Proseguendo nell’alfabeto, alla lettera C troviamo un altro maestro del Novecento, ovvero lo svizzero naturalizzato francese Le Corbusier; anche in questo caso architettura e tipografia si fondono alla perfezione.

E

E

archdaily2

Realizzati con differenti tecniche, dal disegno a mano alla modellazione 3-D, alle lettere F, G e N troviamo Norman Foster, Walter Gropius e Oscar Niemeyer.

E

archdaily2

archdaily2

E

Scorrendo verso le ultime lettere dell’alfabeto troviamo Renzo Piano, Gerrit Rietveld, Tatlin e Frank Lloyd Wright.

Intervistato di recente, il designer fornisce questa definizione di “Architettura”:

[quote_center]Architecture is an international language, a system of communication[/quote_center]

[quote_center]Its complex structure affords a wider range of possible expressions and uses[/quote_center]

Se volete ripassare tutto l’alfabeto, date un occhio alla gallery Archibet!

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *