DeepFace3

DeepFace: il progetto di Facebook per riconoscere i volti con l’accuratezza di un uomo

Facebook ha raggiunto una tappa importante nel riconoscimento automatico facciale con DeepFace, un nuovo algoritmo in grado di identificare un volto in mezzo alla folla con una precisione del 97,25 per cento (sì avete capito bene, in pratica è più preciso di quanto potreste in grado di essere voi). Già perché mediamente un uomo potrebbe riconoscere un volto in una folla con una precisione solo di poco migliore del 97,5.

Come sono riusciti a realizzare un software come DeepFace? I ricercatori di Facebook sono riusciti a trovare un modo per costruire modelli 3D di volti partendo da una foto. Il modello può poi essere ruotato per fornire corrispondenza della stessa faccia catturata da diverse angolazioni.

Ma prima come avveniva il riconoscimento? Bastava che il volto fosse solo inclinato rispetto all’immagine da riconoscere e il sistema non era in grado di fare l’associazione.

DeepFace3

L’algoritmo di Facebook DeepFace ha bisogno di essere “addestrato” su una serie di facce sulle quali può realizzare il proprio lavoro, ad oggi è già in grado di identificare fino a 4.000 identità basate su un database di oltre 4 milioni di immagini separate nella sua versione attuale.

Cosa succederebbe se fosse utilizzato all’interno dello stesso Facebook? Potenzialmente gli scenari sono infiniti ma avrebbero a disposizione una distesa infinita di volti tra i quali cercare. Pensate a quando vengono realizzati gli schizzi di un idenkit, se fosse possibile poi confrontarlo con un sistema come questo quante persone verrebbero riconosciute in pochissimo tempo?

Questo è il lato positivo ma quelli negativi sono potenzialmente infiniti. Tranquilli, al momento il progetto viene presentato come per lo più un esercizio accademico, in un documento di ricerca pubblicato la scorsa settimana , e il team di ricerca alle spalle presenterà le sue conclusioni alla conferenza Computer Vision e Pattern Recognition in Columbus, Ohio, a giugno.

L’estate ci darà la risposta che stiamo cercando.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *