1a5fd366c3c06a147d549896cfcd219ad16e71

Charles O’Rear e la “foto più vista al mondo”

Nessuno di voi si è mai chiesto quale sia la foto più vista al mondo?
Per vostra fortuna c’è chi aveva tempo da buttare e si è posto questa domanda. Per poi trovarvi anche una soluzione.
Se stavate per citare un’opera di Doisneau, Capa, McCurry, Cartier-Bresson siete fuori strada. La fotografia più vista al mondo è “Bliss” di Charles O’Rear.
Probabilmente queste due informazioni non vi dicono niente.
Probabilmente questa immagine dice molto di più…

1a5fd366c3c06a147d549896cfcd219ad16e71

Ebbene sì: la fotografia più vista dal mondo non è altro che l’immagine visualizzata il maggior numero di volte dal maggior numero di persone (semplice matematica). Facendo quindi due conti: quale poteva essere se non “Colline”, ovvero lo sfondo predefinito di un sistema operativo longevo come lo è stato Windows XP?
Charles O’Rear, 73enne fotografo professionista con all’attivo anche un paio di copertine per la rivista “National Geographic” (non stiamo quindi parlando del volantino della parrocchia) ha scattato questa foto nel lontano 1996, mentre stava andando dalla sua fidanzata (ora moglie, giusto per fare un po’ di sano gossip), e dopo un temporale si è fermato, ha imbracciato la sua fidata Mamiya RZ67, e ha scattato l’immagine di questo paesaggio collinare di una semplicità disarmante. Microsoft ha poi deciso di utilizzarla nel 2001 come sfondo predefinito per il suo nuovo sistema operativo, per la sensazione di calma, pace e tranquillità che comunica.
Il che, tutto sommato, è stato un caso più unico che raro considerando che quelle colline (nella contea di Napa, in california) sono sempre state utilizzate per la coltivazione di vigneti, che proprio in quel periodo furono colpiti dalla filossera della vite, che provocò grossi danni ai raccolti.
Come vedete, quindi, non serve impazzire in progetti assurdi o cose troppo strane o complicate. A volte l’essenziale è quello che basta per per far del vostro scatto l’immagine più vista al mondo (anche se non ci è dato sapere se il buon Mr O’Rear sia riuscito a strappare a Microsoft un compenso all’altezza delle aspettative!).

chuckorear-bliss-1

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *