Intervista a Ciro Priello di The Jackal: chi l’ha detto che il successo lascia “senza pensier”?

Per chi vive la rete almeno un’ora al giorno dire “The JackaL” è già esaustivo, non servirebbe aggiungere altro. Per chi non sapesse di chi si tratta, stiamo parlando di una delle case di produzione italiane più geniali che si siano mai viste, e che vede tra i padri fondatori Ciro Priello, con il quale abbiamo deciso di fare quattro chiacchiere tra video, idee e successi che possono nascere da YouTube.

Ciao Ciro! Grazie per aver accettato la nostra intervista, ti ruberemo poco tempo.

Stai senza pensier’.

Ok…Iniziamo!

effettigomorra2

Com’è nato The Jackal?

Il nome The JackaL nasce in virtù del fatto che, quando abbiamo iniziato su YouTube, la maggior parte dei nostri video, erano frutto di “sciacallaggio” di pellicole famose e personaggi noti che si sono prestati per alcuni dei nostri primi cortometraggi.

Qual è stato il video che ti ha fatto capire che le cose stavano “diventando serie” per voi?

Più che un video, ho iniziato a capire che stavamo crescendo, dopo aver visto il riscontro del pubblico durante la nostra serie “Lost In Google”.

Il video a cui sei più affezionato?

The Parker è il video al quale sono più legato, sia perché per la prima volta c’era una vera e propria troupe cinematografica a lavoro, sia perché ho avuto modo di lavorare come casting director curando la preparazione e l’interpretazione degli attori del corto. [Per chi non lo sapesse infatti, Ciro oltre ad essere interprete dei video di The Jackal, è anche il casting director]

La tua interpretazione migliore?

Spero debba ancora arrivare. In ogni caso, mi impressiono sempre quando parto per il “rap” di Vrenzole.

Un successo dopo l’altro, ora con Gomorra: ma quanto lavoro c’è dietro ogni video?

Immagine anteprima YouTube

Più di quanto la gente immagini. I video vengono curati in ogni forma; dalla scrittura, alla regia, alla fotografia e alla post-produzione. Cerchiamo sempre di essere il più professionali possibili.

Avete appena raggiunto 1 mln di views con uno dei vostri ultimi visivi: cosa ne pensi invece di quei video con animali teneri che fanno numeri anche più grande di voi? Provi gelosia oppure ritieni che il vostro sia un obbiettivo diverso?

Ma stiamo scherzando? Non toccatemi i video dei gatti e dei cani coccolosi, sono di gran lunga i miei youtuber preferiti. Ovviamente abbiamo totalmente un obbiettivo diverso. La nostra strada ci porta a crescere come società, non a passare alla storia con un unico virale.

Come hai vissuto e come ha cambiato l’acquisizione di Ciaopeople?

L’acquisizione di Ciaopeople, ci ha permesso di diventare una realtà societaria che prima non eravamo. Ora grazie al fatto che siamo media partner di Ciaopeople, veniamo considerati con più autorevolezza da chi ci commissiona un video commerciale.

Cosa possiamo aspettarci nel futuro di The Jackal: un film sul grande schermo?

Ovviamente è il nostro obiettivo un lungometraggio. Abbiamo delle sceneggiature pronte ed aspettiamo solo che arrivi chi ha voglia di credere nel nostro progetto per dare vita alle nostre idee. In ogni caso nulla vieta di restare sul web anche con un film. Il mondo sta cambiando e probabilmente un giorno potremmo vedere le prime dei film direttamente sul divano di casa.

Che dici Ciro, ora ti puoi fidare di noi?

Biv, aggia’ capì si me pozz fidà e te.

Capisco, intanto ordino ‘deux frittur’ che almeno bevo più volentieri. Grazie ancora per il tuo tempo!

Stai senza pensier’.

[Alcune battute presenti non sono state dette direttamente dall’intervistato, ma ci piace immaginare che sia andata anche un po’ così]

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *