Il mapping: cos’è e dove vuole arrivare

Abbiamo incontrato una di quelle aziende che proietta sui muri la magia. Per chi è mai stato a EuroDisney (io che vi scrivo sì) sa cosa vuol dire vedere delle proiezioni che si trasformano in qualcosa di speciale ed unico, ai limiti della magia. Il termine tecnico di queste opere è appunto quello di mapping e abbiamo voluto fare quattro chiacchiere con uno degli studi italiani più all’avanguardia sul tema: DrawLight.

0lampada

1 – Cosa sono le proiezioni mappate?

Le proiezioni mappate sono degli spettacoli molto intensi e coinvolgenti creati facendo interagire dei contenuti video (2D o 3D) proiettati con le più svariate tipologie di superfici: dall’edificio storico/industriale (proiezioni monumentali) all’automobile (car mapping) fino ad arrivare anche ad una singola bottiglietta d’acqua da mezzo litro o un’orologio (micro mapping). Fondamentale è che il contenuto proiettato sia studiato appositamente per interagire con le geometrie della superficie prescelta. E qui entra in gioco il 3D, settore nel quale abbiamo mosso i primi passi come studio creativo diversi anni fa.

2_Magica_Notte_Carrarese_Mapping_PD

Il fatto di essere nati come studio specializzato nella realizzazione di immagini 3D fotorealistiche ci ha permesso infatti di poter creare da subito contenuti mappati particolarmente spettacolari, come fatto ad esempio per il car mapping dedicato alla presentazione della nuova Porsche, dove abbiamo letteralmente fatto correre l’auto a più di 200 km/h all’interno dello showroom.

Immagine anteprima YouTube

Da questa base poi le proiezioni possono diventare anche interattive (dando cioè al pubblico la possibilità di interagire con i contenuti proiettati) o addirittura possono essere realizzate per interagire con attori, atleti o oggetti in movimento, creando incredibili effetti scenici.

2sedie

2 – Come vengono realizzate? Cerca di spiegarlo come se fossimo dei bambini di 10 anni

Tutto parte dalla scelta della superficie da mappare che è ovviamente legata al concept creativo alla base del progetto. Nella selezione del soggetto è fondamentale valutarne attentamente dimensioni, tipologie di materiali che lo compongono e colori, in modo da ottenere il massimo risultato finale. Tutte queste variabili sono fondamentali inoltre per scegliere la gamma di proiettori più adatti alla situazione, sia come potenza che come formato di proiezione e posizionamento in location.

10_StartUpFestival_BasilicaPalladianaVI

In questa fase è fondamentale l’esperienza del team, poiché molte scelte tecniche sono frutto di test e anni di lavoro sul campo.

Si passa poi alla fase di produzione vera e propria dei contenuti (sia audio che video), definendo task e scadenze (solitamente strettissime). Anche per questo un team collaudato è fondamentale per portare a termine questo genere di progetti, che solitamente sono dei veri e propri LIVE senza possibilità di errore. Questo però è anche uno dei lati migliori di questo genere di progetti, poiché la soddisfazione di vedere un pubblico entusiasta non ha prezzo.

3 – Quali tecnologie entrano in atto prima e durante la proiezione?

Le principali tecnologie che entrano in gioco in un progetto di mapping sono sostanzialmente 2: i videoproiettori e i software di creazione contenuti. In pratica il team spesso è formato da 2 professionalità chiave: chi gestisce la parte creativa (contenuti) e chi gestisce la parte tecnica (proiettori). Più l’esperienza e la sinergia tra queste 2 parti è forte più il mapping sarà spettacolare e soprattutto innovativo.

Altro aspetto fondamentale è ovviamente il budget, ma nella maggior parte dei casi riusciamo a trovare il giusto equilibrio anche per quello.

4 – Uno degli esempi forse più vecchi e conosciuti di proiezioni mappate è quello di EuroDisney: lo conosci? Che giudizio daresti da esperto?

La proiezione di EuroDisney è effettivamente uno dei nostri migliori progetti… Sto scherzando ovviamente! Si tratta di una proiezione enorme e questo conta parecchio a livello di spettacolo. Inoltre è sicuramente impeccabile a livello di contenuti e soprattutto unisce alle proiezione anche spettacoli di luce, fumo e fuochi artificiali che contribuiscono incredibilmente all’effetto scenico finale. Ovviamente anche le musiche sono perfette.

Se proprio vogliamo trovarci una piccola pecca dura un po’ troppo per i nostri standard, ma è comprensibile vista l’occasione e il target.

5 – Quali sono i vostri progetti migliori e perché?

Uno dei nostri migliori progetti è sicuramente il 3D Mapping di Rabarama a 360°.

Immagine anteprima YouTube

Pensiamo sia il nostro progetto migliore per 3 motivi:

1 – Abbiamo unito arte e tecnologia in un progetto unico nel suo genere, mettendo la tecnica al servizio dell’artista.
2 – Abbiamo sviluppato un software e una tecnica inedita per permettere un mapping completo a 360° (probabilmente primo al mondo)
3 – In assoluto è il nostro video più visto e apprezzato (oltre 300mila visualizzazioni), soprattutto nel continente asiatico, da cui ci arrivano costanti richieste di replica e di pubblicazione.

Questo genere di progetti spettacolari ha infatti il pregio di ottenere da subito una grande diffusione più o meno virale attraverso i principali social network, sia attraverso i nostri canali ufficiali come il nostro canale YouTube; senza contare le condivisioni live di tutti i presenti all’evento che contribuiscono in tempo reale ad un enorme eco mediatico.

Anche il mapping per Star Up Festival a Vicenza – Basilica Palladiana è stato un lavoro particolare, sia per la location d’eccezione che per il festival musicale a cui la proiezione era dedicata.

Immagine anteprima YouTube

Parte del mapping è stato infatti eseguito LIVE direttamente in sincronia con la musica suonata dai vari DJ internazionali presenti come ospiti.

Insomma, un piacere per gli occhi e anche per le orecchie visto che le proiezioni sono anche accompagnate, volendo, da musiche spettacolari.

Commenti

commenti

Un pensiero su “Il mapping: cos’è e dove vuole arrivare

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *